Sede
Sede
Info e ordini
Segnalazioni
Amministrazione
Personalizzazioni
tel/fax +39 02.29.51.48.95 Via Paolo Frisi, 10 - 20129 Milano (MI) (siamo fuori dall'area C - Prima, Ecopass)
info@piacentinicancelleria.it - ordini@piacentinicancelleria.it
segnalazioni@piacentinicancelleria.it - per segnalare problemi con il trasporto e le consegne, problemi con il servizio clienti.
amministrazione@piacentinicancelleria.it - richieste amministrative.
promozionale@piacentinicancelleria.it t - articoli promozionali personalizzati, regali aziendali.

Breaking news: un’onda anomala vi travolgerà. Vavassori in cattedra, dà lezioni agli usurai del pensiero unico.

Nel pezzo precedente prima dell’ inizio del torneo si era scritto:” Intanto, complimenti a Vavassori e Zeppieri (mentre scrivo ha appena iniziato il terzo italiano al turno decisivo di qualificazioni: Cobolli). Entrare in tabellone qui, è infernale. 3 turni di quali sono pesanti e difficili. Stima per chi si porta il secchio da casa e lo mette giù col sottovaso per contenere il sudore. E’ una salita fottuta e pericolosa quella delle quali a Parigi. Vavassori è maturo e si poteva prevedere che potesse passare. Poi gioca bene a tennis. E’ un panda all’esponente. ‘E’ elevato a Vavassori dà un transfinito. Finally, Vavassori! Bene! Vavassori si è ‘incrapito’ a voler traslare gli anni ‘90 nel ‘23. E per lunghi tratti ce l’ha fatta. Vavassori rende libero lo spirito e aiuta a deambulare i malati cronici. E’ una visione onirica trascendente. Preserviamolo.”

Oggi Vavassori ha compiuto il miracolo su un campo secondario dell’impianto parigino.

Sotto di 2 set e un break nel terzo, Vavassori ribalta la situazione e vince gli ultimi 3 set con un periodico 76. Roba da fantascienza senza scienza.

76 al quinto. Fine. Sui due set a 0 e 4 pari nel terzo ho scritto ad alcuni conoscenti dicendo di prendere Vavassori, perché negli occhi del panda, c’era la forza che rende liberi dalle sciagure. Mio-miao Kec-man è un geometra dopolavorista all’ultimo miglio. Un miglio buio, fatto di corsi di recupero. Tira sulle righe, ma non è mai definitivo nel chiudere la storia. E se c’è storia e c’è precipizio, c’è anche Vavassori. Però, Kec-man è un geometra preciso. 111 posizioni dividevano i due nel ranking mondiale. Autentico miracolo di Vavassori. I coglioni non si vedono, ma ci sono, ed è tutto un gioco di prospettiva. Vavassori non ha mai lasciato, ci ha sempre creduto anche quando era solo, nudo e ‘brasato’ di terriccio sul precipizio; non era lontanamente pensabile risalire. Sono quella giornate di attimi da leggere, quelle che capitano poche volte nella vita e possono dare la svolta a una carriera fatta di precipizi. Però bisogna esserci, essere lucidi e mettere le palle al sole. E Vavassori ha messo in mostra un tennis d’altri tempi a zero proteine. Zero proteine. Più difficile senza proteine. O no? E’ tutto naturale e vale un capitale, questo Vavassori. I disfattisti diranno che ora perderà (le solite baggianate della prova del nove etc…). Ma queste sono quelle giornate che valgono mezzo Roland Garros. Ora, potete spegnere la tv e riaccendere per i quarti di finale. La vittoria di Vavassori, è una storia di attimi dentro gli attimi. Attimi ponderati con dovizia; è una questione aperta su cosa fare del gioco, oggi. Se giocare ancora così o passare ad altri lidi. Vavassori dà una lezione di tennis, di volontà, di tattica e di bellezza a tutti. Tra le pieghe di tanti altri match confusi, noi esteti cerchiamo altri Vavassori. La tv per ora è spenta, se qualcuno da un ameno streaming nota qualcosa di anomalo, ci chiami. Noi siamo pronti a rivivere altre emozioni, come quella che oggi ha portato nelle case una storia da raccontare; anche tra qualche anno. Una storia che Vavassori metterà in cornice e guarderà per ricordarsi che Dio esiste. E per farsi forza nei momenti difficili.

Il punteggio Finale 57 26 76 76 76 (11-9) – 5 ore e 10 minuti.

Buona continuazione, Piacentini Gianluca.

 

Postato alle 17,00 del 30-5-23

 

Ultime notizie

Finale agli US Open ’23: Medvedev inchioda Alcaraz alle sue responsabilità. Djokovic affossa per due volte il sogno americano.
09/09/2023
Semifinali agli Us Open ’23. Medvedev e Shelton provano a scardinare la ricorsività con un po’ di follia.
07/09/2023
US OPEN ’23, quarti di finale. Djokovic avanza agile. Alcaraz un rullo. Medvedev un muro. Sinner spaesato.
05/09/2023
Ottavi agli US Open’23: Sinner incerto, Arnaldi avanza di testa. Sconfitta sanguinosa di Dimitrov. Al terzo turno evaporano gli ultimi 2 rovesci a una mano. Ora inizia il vero torneo.
03/09/2023
Terzo turno Us open ‘23. Djokovic, Sinner, Alcaraz e Medvedev sul velluto. Attenzione a Kara, Vesely e Arnaldi. Disastro Tsitsipas. Mensik il nuovo che avanza.
01/09/2023

Archivio